Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Articoli 12: non applicabili ammortizzatori che prevedano riduzioni d’orario

Articolo di del 16 febbraio 2018 – 10:30 | 91 views

 

Cari colleghi,

facciamo seguito a quanto discusso nelle riunioni avvenute nei giorni scorsi, anche con i rappresentanti delle Associazioni Regionali interessate, per confermare che questa Federazione, come peraltro è stato già chiarito in precedenti occasioni, conferma che non sono applicabili ai giornalisti con qualifica di collaboratori fissi, ai sensi dell'art.2 del Cnlg, o di corrispondenti, ai sensi dell'art.12, le disposizioni di legge relative agli ammortizzatori sociali che prevedono riduzione dell'orario di lavoro. 

Il collaboratore fisso e il corrispondente, come è precisato nei rispettivi articoli contrattuali, non sono vincolati dall'obbligo di un orario di lavoro, bensì tenuti ad una specifica prestazione, che è quella della fornitura di articoli.

L'assenza di un orario di lavoro esclude, di conseguenza, ogni possibilità di applicazione di ammortizzatori che prevedano un'integrazione salariale a seguito di una riduzione dell'orario di lavoro.

Qualora i collaboratori fissi e i corrispondenti dovessero rientrare in un eventuale conteggio di riduzione oraria per integrazione salariale a qualsiasi titolo (crisi, ristrutturazione o solidarietà) si confermerebbe che i giornalisti interessati, ancorchè formalmente inquadrati come collaboratori fissi o corrispondenti, sono di fatto redattori a tempo pieno o a tempo parziale, secondo quanto previsto dall'art.3 del Cnlg.

Tutto ciò premesso, e d'intesa con le Associazioni Regionali interessate, confermiamo la disponibilità della Federazione, qualora fosse necessario, di fornire assistenza in un confronto sulla materia a livello nazionale con le proprietà aziendali.

Cordiali saluti

Raffaele Lo Russo

Segretario Generale FNSI

 

 

Tag:,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: