Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Dalla Fnsi, firmato l’accordo sul rinnovo biennale e il nuovo welfare

Articolo di del 18 luglio 2011 – 12:11 | 160 views

Siglato ufficialmente il rinnovo della parte economica, biennale, del contratto nazionale di lavoro dei giornalisti. Dopo il via libera votato in giornata dal Consiglio di Presidenza della Fieg, da una parte, e dalla Giunta Esecutiva e dalla Consulta dei Presidenti dell’Associazioni  Regionali di Stampa, per la Fnsi, sono stati definitivamente confermati gli accordi raggiunti venerdì scorso, anche per alcuni capitoli urgenti che chiamavano le parti sociali a decisioni rilevanti in materia previdenziale, di welfare e della formazione.

L’aumento economico medio, biennale, è di 105,00 Euro mensili con decorrenza 1 luglio 2011, in due trance:  50,00 Euro dal 1 luglio 2011 più altre 55,00 Euro da giungo 2012. Aumenti biennali, con le stesse scadenze, anche per i giornalisti occupati con contratto di collaborazione, (ex art.2), corrispondenti (ex art. 12), e pubblicisti per le redazioni decentrate (ex art. 36, + 70,00 Euro complessive).

Nell’ambito del negoziato contrattuale è stato messo a punto anche un accordo generale rispettoso degli obblighi di legge che affidano un ruolo specifico alle parti sociali firmatari del contratto, per quanto concerne le misure della contribuzione previdenziale e gli interventi sulle prestazioni, allo scopo di mettere in sicurezza gli istituti dell’autonomia del settore.

L’Ingpi, che ha elaborato gli elementi indispensabili di tale processo concorrendo al necessario processo di condivisione, venerdì mattina potrà deliberare le misure di garanzia e stabilità con pieno sostegno delle parti: aumento progressivo della contribuzione a carico degli editori fino a tre punti percentuali entro il 1 gennaio 2016, ma restando sotto il livello degli altri settori; progressivo innalzamento dell’età pensionabile di vecchiaia da 60 a 65 anni per le donne, ma conservando la possibilità di uscita a 60 anni con una lieve riduzione dell’assegno. In parallelo è stata messa a punto un’intesa per il sostegno all’occupazione stabile, mediante sgravi contributivi importanti per assunzioni di giornalisti a tempo indeterminato.

Adeguata, con arrotondamento, anche l’aliquota per la Cassa integrativa per i giornalisti (Casagit).

Di valore economico il recepimento delle normative per l’abbattimento dell’imposta sui redditi derivanti da maggiorazioni retributive concordati aziendalmente per lavoro straordinario, notturno, festivo ecc. per i giornalisti con reddito non superiore a 40 mila euro.
 
Tra i documenti dell’accordo due altre novità molto rilevanti: una commissione paritetica per il lavoro autonomo, la sua valutazione e la giusta considerazione della dignità di questa forma di lavoro, della sua correttezza e della incidenza del fenomeno, in una visione che guardi alla qualità dell’informazione e alla libera concorrenza in un quadro di rispetto delle regole; la decisione di istituire un ente bilaterale per la formazione e l’aggiornamento professionale dei giornalisti, sia per le esigenze di risposta alle domande di innovazione, sia per favorire il recupero attivo di chi è in attesa di un nuovo lavoro

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: