Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » In evidenza, Opinioni e Interventi

La Fnsi celebra il Primo Maggio in Calabria al 40° del Sindacato regionale

Articolo di del 2 maggio 2014 – 11:50 | 71 views

siddi1Siddi: la trattativa sul contratto ad uno snodo cruciale. Stagione non facile, serve volontà editori e dello Stato. “La libertà di stampa non è mai pienamente garantita”  

La trattativa per il rinnovo del contratto giornalistico è "a uno snodo cruciale per il tipo di contratto che è possibile fare in questa stagione. Non è una stagione semplice. La situazione dell'editoria è pesante, la condizione del lavoro dei giornalisti è molto peggio". Lo ha detto il segretario della Fnsi Franco Siddi, a Civita, nel cosentino, per partecipare ad un convegno organizzato dal Circolo della stampa Pollino-Sibaritide.
"C'è bisogno di capire – ha aggiunto – che in questo momento è importante salvaguardare il contratto, farne uno di tenuta, confermarlo e farlo andare avanti. Ci sono alcuni assi essenziali possibili che riguardano il lavoro autonomo, il tentativo di creare opportunità di nuovo lavoro e di reingresso di chi il lavoro lo ha perso. Solo nell'ultimo anno sono stati più di mille. Fare un contratto in questa situazione è quasi impossibile. Però  è una sfida decisiva per noi e per il sistema imprenditoriale che vuole competere in un ambito di concorrenza leale. Servono risorse. Occorre capire come combinare le risorse del contratto con quelle della Legge di Stabilità per l'editoria. È importante che al più presto si arrivi a un accordo quadro con il Governo su questa materia. È necessario anche che gli editori facciano la loro parte, non possono pensare che il contratto debba mettere il tappo a un mercato che diventa protetto. Il mercato deve rimanere libero perché libera deve essere la stampa e l'informazione".
In merito a quali sono i problemi più rilevanti sul tavolo per il rinnovo, Siddi ha sostenuto che "ci sono dei punti dove si è molto in avanti ed altri dove si è indietro. Se si trova la convergenza su quattro punti fondamentali che riguardano il lavoro autonomo, la nuova occupazione e l'inclusione di chi lavora con contratti anomali o irregolari, la riforma della 'ex fissa' e la riforma degli ammortizzatori sociali che significa la sostenibilità del nostro sistema di previdenza. Se lo Stato concorre, per la prima volta in maniera efficace, alla risoluzione di questi problemi noi possiamo far quadrare le cose".
"Quindi – ha concluso Siddi – per il rinnovo del contratto servono la volontà degli editori e la volontà dello Stato. La nostra c'è. L'8 maggio ci sarà un primo incontro con il governo.
Il contratto, per i più deboli, deve voler significare un miglioramento della retribuzione. Bisogna smetterla con chi dice che il problema della mancanza di lavoro si risolve abbassando gli stipendi".  (CIVITA (COSENZA), 1 MAGGIO – ANSA)
 

Tag:, , , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: