Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » In evidenza, Opinioni e Interventi

La giustizia e il diritto all’informazione

Articolo di del 11 agosto 2014 – 14:55 | 132 views

Logo-Ordine-Giornalisti-Toscana L'Associazione Stampa Toscana, condivide e fa proprie per intero queste valutazioni 

Presa di posizione del presidente dell'Odg della Toscana sul caso della ricusazione del giudice Bouchard

"A una settimana dalla prima presa di posizione del presidente dell'Ordine degli avvocati sul caso della ricusazione del giudice Bouchard, non è giunta ancora dall'avvocato Sergio Paparo una parola di chiarimento o di scuse.  

Dato che a nessuno è consentito svilire l'opera di chi garantisce all'opinione pubblica l'esercizio del diritto all'informazione, ci preme sapere a chi si riferisse il presidente Paparo  quando, in una lettera inviata a due quotidiani, parlava di "una sequela di soggetti totalmente digiuni – prima ancora che di nozioni tecniche – della benché minima cultura della Giurisdizione". Chiedo dunque al presidente degli avvocati di chiarire pubblicamente e in modo inequivoco se con quell'espressione intendeva riferirsi a uno o più giornalisti.

Ci preme inoltre sapere se il presidente dell'Ordine degli avvocati alludesse a  uno o più  colleghi iscritti all'Ordine dei giornalisti quando, nella stessa lettera, parlava di  "mestieranti dell’argomento dietrologico".

Uno dei colleghi chiamati in causa in una successiva presa di posizione del presidente Paparo, ha preannunciato querela per diffamazione e siamo certi che la vicenda verrà chiarita in tribunale, ma, in qualità di presidente dell'ordine dei giornalisti della Toscana, a cui la legge assegna degli obblighi di vigilanza e di tutela della dignità professionale, non posso ignorare espressioni così forti che giungono da così autorevole fonte. 

Se il presidente Paparo si riferiva a dei giornalisti lo invito a rivolgersi senza indugio al Consiglio di disciplina dell'ordine dei giornalisti della Toscana a cui spetta il compito di sanzionare disciplinarmente i colleghi che tradiscono gli obblighi stabiliti dalla Carta dei doveri.

In caso contrario chiarisca a se stesso, agli avvocati fiorentini e ai giornalisti toscani che il presidente dell’Ordine degli avvocati non si arroga il diritto di stabilire chi e quando possa dar conto all’opinione pubblica di inchieste e procedimenti giudiziari." 

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Toscana
Carlo Bartoli

Tag:, , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: