Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie, Radio & TV

Le radio in Toscana: stato di salute delle emittenti locali e influenza del digitale

Articolo di del 4 dicembre 2015 – 14:41Nessun commento | 261 views

Qual è lo stato di salute dell’informazione prodotta a mezzo radiofonico in Toscana? Quante emittenti riservano uno spazio del palinsesto a giornali radio e approfondimenti, e in quanti casi i contenuti sono prodotti da giornalisti regolarmente assunti? In quali e quante realtà gli anni di crisi economica hanno dirottato i palinsesti verso contenuti commerciali spendibili sul mercato, a discapito degli spazi informativi e dell’occupazione nel settore?

Sono queste le domande cui si propone di rispondere l'indagine, Le radio in Toscana. Lo stato di salute delle emittenti locali e influenza del digitale”, voluta da Assostampa Toscana e realizzata dalle giornaliste Isabella Mancini e Elena Guidieri.

Il report, scaricabile da oggi su www.assostampa.org, si è proposto di verificare la quantità e qualità delle emittenti radiofoniche toscane, sia dal punto di vista dell’informazione prodotta, che delle ricadute occupazionali nel settore del giornalismo radiofonico.  Le curatrici hanno preso in considerazione strutture redazionali, palinsesti e tipologie di contratti stipulati all’interno di oltre 50 emittenti radiofoniche. I dati sono stati aggiornati fino  a settembre 2015 con tabelle ministeriali, questionari  proposti a direttori o responsabili di redazione e un focus sul passaggio dall’analogico al digitale: come lo sviluppo di Internet e il moltiplicarsi delle web radio ha influenzato il modo tradizionale di fare radio; quali i nuovi ostacoli e le nuove sfide.

“La radio – afferma Sandro Bennucci, presidente di Assostampa Toscana –  sembra avere sviluppato via via quegli anticorpi utili per superare le varie ‘influenze’ della comunicazione. Non ripiegandosi su se stessa ma aperta alle interazioni col mondo digitale e ai  nuovi supporti per l’ascolto. Ma quanto è mutata al suo interno? E in che termini? Questa ricerca tenta di rispondere attraverso un monitoraggio che ha dovuto fare i conti con l’assenza di materiale di studio pregresso e di conseguente  comparazione”.

"Un’analisi  necessaria per gli addetti ai lavori, per il sindacato e per gli utenti stessi, per aumentare la consapevolezza di quanto sia importante conoscere e sostenere quelle realtà che con fatica riescono a mantenere logiche imprenditoriali produttive insieme al rispetto della dignità economica e professionale dei lavoratori e alla cura dei contenuti e dei prodotti informativi – afferma Chiara Brilli, referente Commissione Radio Assostampa –  Uno strumento utile anche per quelle istituzioni che come la Regione Toscana, promuovono bandi  a sostegno dell’informazione locale virtuosa. Con questa ricerca l’Associazione Stampa Toscana propone  un ulteriore contributo all’analisi della realtà giornalistica del nostro territorio per rilanciare un tavolo di confronto tra editori, sindacato e istituzioni in grado di liberare risorse economiche e progettuali ed incentivare quelle idee imprenditoriali che riescano a raggiungere un equilibrio tra produttività, qualità dei contenuti e rispetto delle professionalità. Solo così – conclude Brilli – le radio avranno prospettive di sopravvivenza nel rispetto che di chi la radio la fa e di chi la radio l’ascolta".

Le radio in Toscana. Lo stato di salute delle emittenti locali e influenza del digitale sarà anche oggetto di due corsi di formazione promossi da Assostampa che si terranno a Firenze, presso la sede Rai, nelle seguenti date:

22/01/2016  “Le radio in Toscana” – seminario di 4 ore – iscrizioni su Sigef

05/02/2016  “Le radio in Toscana” – seminario di 4 ore – iscrizioni su Sigef

Tag:, ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: