Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Italia 7: Ast e Cdr chiedono incontro alla nuova proprietà. Per salvaguardare i posti di lavoro e l’alta professionalità dei dipendenti

Articolo di del 1 agosto 2018 – 16:06 | 99 views

 L'Associazione Stampa Toscana e il Comitato di redazione di Italia 7 prendono atto che, dopo due aste andate deserte, alla terza procedura di aggiudicazione l'emittente dichiarata fallita è stata assegnata al termine di una gara con ripetuti rialzi. La nuova proprietà è il gruppo che fa capo alla famiglia Sciscione. Ast e Cdr si sentono in dovere di ringraziare il curatore fallimentare, dottor Gino Mazzi che, d'intesa con il tribunale, ha deciso di proseguire l'attività della televisione nonostante le notevoli difficoltà gestionali e garantendo che, entro metà agosto, tutte le spettanze dei dipendenti per il periodo della curatela saranno corrisposte.

A questo punto, Ast e Cdr invitano la nuova proprietà a un incontro con all'ordine del giorno due temi fondamentali: la garanzia del posto di lavoro per tutti i dipendenti e la salvaguardia delle straordinarie capacità professionali che, indipendentemente dalle vicende societarie, hanno permesso a Italia 7 di raggiungere uno dei posti di vertice fra le emittenti private dell'Italia Centrale. Il sindacato, a nome di tutti i dipendenti, ribadisce la piena di disponibilità a collaborare per un completo rilancio dell'emittente stessa, chiedendo in cambio soltanto il rispetto delle regole. Del resto, vale la pena ricordare che l'Associazione stampa toscana si è recentemente battuta, al fianco della Regione, per sollecitare la pubblicazione della graduatoria ministeriale con i contributi per le emittenti commerciali. Nessun problema, dunque, a sostenere anche le ragioni degli imprenditori, a patto che non si verifichino più situazioni come quella registrata la settimana scorsa a Grosseto, dove l'editore di Tv9, non solo ha preteso di avocare a se prerogative di stretta spettanza del direttore, ma ha addirittura licenziato il fiduciario di redazione che aveva esposto il caso al sindacato. Il quale è stato quindi costretto a prendere tutti quei provvedimenti tesi a ripristinare legalità e giustizia. 

 

 

 

Tag:, ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login