Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » In evidenza

Delegazione Fnsi a Malta per Daphne sequestrata nella notte. Ast: solidarietà e invito a Corinne

Articolo di del 29 novembre 2019 – 16:17 | 3 views

Nella notte Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo, a Malta in rappresentanza della Fnsi, sono stati bloccati insieme con decine di altri colleghi dopo la conferenza stampa del premier Muscat sulla morte di Daphne Caruana Galizia.
Di seguito il loro racconto di quello che è accaduto.

«Siamo veramente preoccupati per quanto sta accadendo a Malta. La scorsa notte, insieme a tutti gli altri colleghi (almeno una quarantina), siamo stati letteralmente sequestrati dopo la conferenza stampa del Premier Joseph Muscat. Un fatto di una gravità assoluta, come testimoniano le immagini. Sono stati dieci minuti incredibili, sequestrati e bloccati senza una motivazione, fra le urla delle colleghe maltesi che avevano riconosciuto chi ci bloccava.

«Inizialmente pensavamo a poliziotti in borghese o uomini del secret service, apprendiamo invece che fossero picchiatori e criminali, pluripregiudicati, a quanto pare sostenitori del primo ministro maltese. A Malta, evidentemente, non esistono regole valide per tutti, tranne quelle volute a uso e consumo dallo stretto gruppo di Muscat.
«Nell'Isola rappresentiamo la Federazione nazionale della Stampa italiana, quindi istituzionalmente:
«Chiediamo al Premier Muscat di chiarire pubblicamente perché siamo stati sequestrati e di chiedere scusa.
«Chiediamo all'Europa di intervenire subito: ciò che è accaduto la scorsa notte non ha precedenti in una Repubblica democratica, in un Paese che è a ottanta chilometri in linea d'aria dall'Italia, in uno Stato che dovrebbe essere parte integrante dell'Europa.
«Chiediamo ai giornalisti di tutto il mondo, come annunciato nella nota del segretario Lorusso e del presidente Giulietti, di denunciare quanto sta accadendo. È una vergogna, non esiste lo stato di diritto a Malta».

L' Associazione Stampa Toscana, che due anni fa conferì a Daphne il " Premio giornalisti Toscani 2017", esprime piena solidarietà e vicinanza a Sandro Ruotolo e Paolo Borrometi e si appella a tutte le istituzioni, europee e italiane perchè, oltre a fare piena luce sull'omicidio di Daphne vengano perseguiti i sequestratori dei colleghi a Malta e i loro eventuali mandanti. L'Associazione Stampa Toscana ha rinnovato l'invito alla sorella di Daphne, Corinne, per venire a Firenze e riferire, all'Ast e alle Istituzioni, la situazione dei giornalisti a Malta.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: