Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie, Radio & TV

Tv1, appello Ast a Regione ed enti locali

Articolo di del 25 febbraio 2012 – 07:40 | 546 views

L’attenzione del presidente della Regione Toscana, del presidente della Provincia di Arezzo e dei sindaci dei Comuni valdarnesi e’ stata chiesta in una lettera dal presidente dell’Associazione Stampa Toscana, Paolo Ciampi, circa la situazione dell’emittente Tv1 dopo che l’azienda ha comunicato al comitato di redazione la decisione di non accedere alla cassa integrazione in deroga e di procedere alla riduzione dell’orario di lavoro del 50% con trattative individuali.
La ”difficilissima situazione” di Tv1, spiega Ciampi nella lettera, riguarda anche la transizione al digitale terrestre, ma ”quello che emerge e’ soprattutto il rifiuto dell’azienda di individuare possibili soluzioni a un tavolo delle trattative, attraverso normali relazioni sindacali”.

Una situazione, ricorda il presidente dell’Ast, descritta nel comunicato diffuso ieri insieme alla Cgil Valdarno e nel quale si definisce ”incomprensibile ed inaccettabile” il comportamento dell’azienda che ”si rifiuta  di salvaguardare, sia pure parzialmente, le buste paga tutt’altro che ricche dei propri dipendenti, molti dei quali gia’ con contratti part-time, accampando non meglio precisate ricadute negative per l’azienda derivanti dall’accesso alla cassa integrazione” .

‘L’azienda – spiega ancora la lettera – ha deciso di cancellare ogni confronto e di procedere al dimezzamento dell’orario per i dipendenti, minacciando il licenziamento entro lunedi’ per chi non accettera’ le nuove condizioni. Resta un mistero – tutto da chiarire – la ragione per cui e’ stata rifiutata la nostra proposta di cassa integrazione in deroga”.

”Ci rivolgiamo a voi in quanto istituzioni che in questi anni hanno avuto rapporti con Tv1 – conclude la lettera dell’Ast – anche per quanto riguarda l’assegnazione di contributi, la realizzazione di format e la programmazione di campagne di comunicazione, perche’ possiate predisporre le opportune iniziative per chiedere all’emittente di accettare un tavolo di confronto con i sindacati e le istituzioni prima di ogni decisione”. (ANSA).

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login