Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Giornalisti Pa, Ast presenta ricerca su uffici stampa della Toscana. Il presidente della Regione Giani: “Presidio a garanzia di tutti”

Articolo di del 21 maggio 2021 – 12:30 | 65 views

Gli uffici stampa pubblici sono importanti ed essenziali. “E tutti gli enti ne dovrebbero avere uno” commenta e sprona il presidente della Toscana, Eugenio Giani. Uffici stampa naturalmente formati da giornalisti e che alla deontologia della categoria sono chiamati a rispondere,  “perché – aggiunge il presidente – quel presidio di professionalità diventa garanzia per tutti”. “Un anello fondamentale nelle relazioni con i cittadini – sottolinea, dopo di lui, il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo – e uno snodo per garantire maggiori informazioni alla collettività”. 

L’occasione per fare punto sull’informazione e sulla comunicazione della pubblica amministrazione, mondo spesso sommerso, arriva da una ricerca condotta dall’Associazione Stampa Toscana, sindacato unico e unitario dei giornalisti, che è stata presentata stamani, lunedì 17 maggio, a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza della Regione: un censimento che prova a raccontare quanti colleghi in Toscana siano oggi impegnati nel quotidiano compito di dar voce ed informare sull’attività delle istituzioni, come sono inquadrati, se con contratti a termine o a tempo indeterminato, età, genere, titolo di studio e molte altre utili informazioni statistiche. Dalla Regione alle Asl e alle aziende ospedaliere, dai Comuni alle Province, dalle partecipate alle Università, dalle Camere di commercio al parapubblico fino al mondo del sociale e ai sindacati, ad esempio. La ricerca aggiorna il precedente monitoraggio che sempre il sindacato dei giornalisti aveva condotto nel 2015. 

La fotografia, (realizzata da Silvia Gigli e Susanna Bagnoli, con il coordinamento di Walter Fortini) il cui ‘scatto’ è stato reso difficile dalla pandemia tanto da far durare il lavoro parecchi mesi, tra la fine del 2019 e il 2020 (e solo con il 35,55 dei Comuni che hanno risposto alla fine al questionario), ritrae una situazione estremamente complessa e in continuo movimento. “Molte strada rimane ancora da percorrere per valorizzare appieno il lavoro dei giornalisti della pubblica amministrazione – ricorda il presidente dell’Associazione stampa Toscana, Sandro Bennucci –. I numeri di questo rapporto ci aiuteranno ad orientarci al meglio”. Dopo infatti la chiusura, nei giorni scorsi, di una bozza di accordo tra Aran e Federazione nazionale della stampa per i giornalisti della pubblica amministrazione assunti a tempo indeterminato e che  hanno goduto fino ad oggi del contratto Fieg-Fnsi (soprattutto nelle Regioni), si aprirà  adesso il tavolo per contratto del pubblico impiego 2019-2021, dove il sindacato dei giornalisti auspica che si possa ancora meglio definire inquadramento e profilo di tutti i professionisti dell’informazione che lavorano nella pubblica amministrazione (e non solo di chi, fino ad oggi, ha goduto del contratto da giornalista). Non a caso alla presentazione del rapporto di oggi ha partecipato pure il direttore della Fnsi, la Federazione nazionale della stampa, Tommaso Daquanno. E’ intervenuto anche il vicepresidente dell’Ast, Stefano Fabbri.

“ L’obiettivo – aggiunge per il sindacato toscano, il presidente Sandro Bennucci  – rimane quello di mettere ordine in un settore delicatissimo, come quello degli uffici stampa, che per il ruolo fondamentale che riveste nella filiera dell’informazione non può essere considerato come un semplice megafono o come un terreno di proprietà nel quale coltivare solo il consenso a dispetto del ruolo e della professionalità dei giornalisti che vi operano, peraltro ignorando le norme e i dettati costituzionali”. Il sindacato sta pensando per questo alla convocazione degli Stati generali degli uffici stampa della Toscana:  un impegno a lavorarci nei prossimi mesi.   

“Quello degli uffici stampa è un compito difficilissimo – commenta il presidente della Toscana, Eugenio Giani – e l’età del profluvio della comunicazione che viviamo e che spesso diventa confusione della comunicazione ne rafforza il ruolo. Per questo è importante far crescere e valorizzare questo presidio e i professionisti che all’interno vi lavorano, i quali garantiscono anche equità nella distribuzione delle informazioni”.  “Il Consiglio regionale deve essere la Casa di tutti i toscani, e per questo obiettivo il ruolo del nostro ufficio stampa è fondamentale  – ripete il presidente dell’assemblea legislativa toscana, Antonio Mazzeo – perché consente, e sempre più lo dovrà fare in futuro, che delle nostre decisioni siano informati i cittadini. E si tratta di un'opera decisiva soprattutto oggi, che viviamo un tempo dove circolano troppe fake news. Qui e ora sta il ruolo dei giornalisti che lavorano negli uffici stampa della pubblica amministrazione”.

La ricerca
Al questionario elettronico inviato dall’Associazione stampa toscana hanno risposto 97 comuni, il 35,5 per cento delle amministrazioni della regione, nove Unioni di Comuni, la Città metropolitana di Firenze e altre sei province su nove, l’Anci Toscana (l’associazione dei Comuni), la Regione, le Asl, le aziende ospedaliere, le Università, i Consorzi di bonifica, alcune società partecipate, enti strumentali, agenzie e parchi regionali, le Camere di Commercio, alcune tra le fondazioni più in vista, i sindacati, le Università e le associazioni di categoria. La fotografia che emerge vede 172 giornalisti al lavoro negli enti che hanno compilato le schede. Dicono di avere un ufficio stampa 54 comuni su 97 e quattro province su sei (Città metropolitana compresa). Dodici comuni indicano la presenza anche di comunicatori social. C’è chi utilizza, per gli uffici stampa, giornalisti full-time e chi part-time, chi li ha inseriti nelle propria pianta organica  e li ha assunti ora a tempo indeterminato ora con contratti di legislatura e chi si avvale di consulenze a partita Iva o società esterne. Il contratto applicato, per gli enti pubblici, è quello del pubblico impiego: dal 30 luglio 2020 anche nell’agenzia di informazione e negli uffici stampa della giunta e del consiglio regionale. Un sindacato, la Cisl, e Fondazione Sistema Toscana utilizzano il contratto dei giornalisti Fieg-Fnsi.  

La ricerca (clicca qui) è pubblicata anche sul sito dell’Associazione stampa toscana, www.assostampa.org

 

indagine uffici stampa – Versione completa

 

L'INTERVENTO DI ANTONIO MAZZEO, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Informazione: Mazzeo, giornalisti della PA anello fondamentale tra istituzioni e cittadini

Il presidente del Consiglio regionale alla presentazione del rapporto sugli uffici stampa dell’Ast: “Riconoscere il ruolo del giornalista all’interno della pubblica amministrazione significa garantire innanzitutto le cittadine e i cittadini che le informazioni che riceveranno saranno certificate”

di Emmanuel Milano, 17 maggio 2021

Firenze – Il presidente Antonio Mazzeo è intervenuto alla presentazione del rapporto sugli uffici stampa in Toscana, a cui hanno partecipato anche il presidente della Regione, Eugenio Giani, il presidente dell’Ast, Sandro Bennucci e il direttore della Fnsi, Tommaso Daquanno. Mazzeo ha “ringraziato l’Associazione stampa regionale per un’iniziativa editoriale che fa luce su un fenomeno che per troppo tempo è stato misconosciuto o non adeguatamente rappresentato”.

“I professionisti dell'informazione che lavorano negli uffici stampa dei comuni, delle province, della Regione e degli altri enti e istituzioni della nostra Toscana – ha aggiunto il presidente del Consiglio regionale – sono un anello fondamentale di quelle relazioni politiche sociali e istituzionali su cui si regge il nostro sistema democratico. Il dovere a cui quotidianamente adempiono infatti è quello di informare le toscane e i toscani di ciò che decidono e stabiliscono le varie pubbliche amministrazioni, attraverso una relazione con i mass media, sia tradizionali che nuovi. Come è facile intuire la qualità di questo lavoro è indispensabile affinché le cittadine e cittadini possano conoscere per poi deliberare”

Durante la presentazione del rapporto dell’Ast Mazzeo ha sottolineato come: “Essere a conoscenza, e quindi consapevoli, del lavoro che fanno il proprio sindaco o il proprio presidente della provincia o il proprio presidente della Regione equivale a poter esercitare con maggiore consapevolezza, e quindi con maggiore libertà, il diritto costituzionale a decidere del proprio destino. Proprio per questa ragione si capisce subito l'importanza essenziale delle giornaliste e dei giornalisti della pubblica amministrazione e questo ha necessità di essere riconosciuto a pieno titolo anche nel proprio rapporto di lavoro”.

“La giornata di oggi – ha spiegato Mazzeo – è particolarmente importante anche per un altro aspetto, perché l'Associazione stampa toscana con il suo lavoro è riuscita a siglare un'intesa con la Regione riguardante le giornaliste e i giornalisti che sta facendo da modello e apripista per un accordo simile in tutta la pubblica amministrazione italiana. Riconoscere il ruolo di giornalista a chi svolge il lavoro di ufficio stampa in una pubblica istituzione significa garantire innanzitutto le cittadine e cittadini che le informazioni che riceveranno saranno certificate da un professionista o da una professionista che rispettano il primo dovere di un giornalista: la verità sostanziale dei fatti. Un compito importantissimo in una fase in cui i social network hanno portato all’esplosione di una produzione malevola di false notizie che il più delle volte non possono essere verificate e controllate, ma che alimentano pericolose tendenze nell'opinione pubblica con ripercussioni anche sugli equilibri politici e quindi democratici del nostro paese dell'Europa e del Mondo”.

 

Tag: