Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Nazione e Tirreno: firmati gli stati di crisi. Ast e Cdr vigileranno sugli accordi

Articolo di del 2 luglio 2021 – 12:21 | 56 views

Insieme alla Federazione Nazionale della Stampa e ai Cdr, l'Associazione Stampa Toscana ha firmato gli stati di crisi dell'Editoriale Nazionale (La Nazione, il Resto del Carlino, Il Giorno) e della società SAE (Il Tirreno, gazzette di Modena e Reggio, Nuova Ferrara). Si è trattato di un'assunzione di responsabilità diretta, dopo il voto delle assemblee dei giornalisti. 

I piani, che prevedono prepensionamenti (37 all'Editoriale Nazionale e 18 a SAE) e tagli alle buste paga, non sono stati firmati a cuor leggero dalle organizzazioni sindacali. A La Nazione, a fronte di 16 uscite, sono previste 8 assunzioni. Al Tirreno, dove i colleghi prepensionati sono 11, arriveranno 5 assunzioni. Si tratta di piani che prevedono riorganizzazione del lavoro e rilancio della qualità dei giornali, tenendo conto delle leggi e del contratto e di quelle forme di tutela che l'Associazione Stampa Toscana – d'intesa con i Cdr e con l'ufficio legale e sindacale della Fnsi – farà rispettare a costo di metterne in discussione i contenuti, nel caso in cui le società editrici non rispettassero fin nei minimi dettagli quanto sottoscritto. 

Ast, ricordando che i prepensionamenti sono per legge volontari, e che per la prima volta Editoriale Nazionale ha voluto inserire la cassa integrazione anche per gli articoli 2 e 12, è a disposizione dei Cdr e dei singoli colleghi per chiarimenti, approfondimenti e, appunto, per tutte quelle forme di tutela che si dovessero rendere necessarie.  

Tag:,