Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

L’Università di Siena sopprime l’ufficio stampa, preferisce il marketing e la pubblicità. Ast e Odg: Rettore rinunci al progetto, pronti a difendere le colleghe giornaliste

Articolo di del 24 settembre 2021 – 12:00 | 126 views

Giudizio pesantemente negativo dell’Associazione Stampa Toscana e dell’Ordine dei Giornalisti della Toscana sull'iniziativa con la quale l’Università di Siena, vuole istituire un’area che comprenda le attività di ufficio stampa, comunicazione istituzionale e stampa digitale, pubblicità e marketing, mettendo insieme competenze che niente hanno a che fare con la professione giornalistica e che, anzi in alcuni casi, sono in profondo contrasto con essa, di fatto chiudendo l’attuale ufficio stampa che, correttamente, ha svolto solo il proprio lavoro giornalistico. Come se non bastasse la riorganizzazione del settore, su queste discutibilissime basi, è stata avviata senza il confronto con il Sindacato dei giornalisti, sempre rifiutato dai vertici dell’Ateneo, sordo anche alle richieste di sostituzione di una giornalista in maternità nonostante l’intervento della Consigliera di Parità della Regione Toscana.

Associazione Stampa Toscana e Ordine dei Giornalisti della Toscana chiedono al Rettore dell’Università di Siena di recedere dal varo di una struttura che è un assurdo professionale, che vorrebbe tenere insieme il ruolo dei giornalisti, la cui professionalità e deontologia non viene in questo caso rispettata, prevedendo per loro lo svolgimento di compiti come quello della gestione del marketing e della comunicazione, del marketing e della pubblicità, in contrasto con le norme ordinistiche e sindacali.

Ast e Odg della Toscana si dichiarano fin d’ora a disposizione delle colleghe dell’Ufficio stampa dell’Università di Siena per valutare con loro ogni iniziativa a tutela della loro professionalità e del loro lavoro.

 

 

Tag: