Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Ast: buon 2022. Pronti per la ripartenza. Anche contro la pandemia e le minacce, insieme a tutti i toscani

Articolo di del 30 dicembre 2021 – 17:30 | 59 views

Care colleghe, cari colleghi,

questo è l’ultimo numero della nostra newsletter per il 2021. Un anno che abbiamo raccontato ogni settimana fin nei minimi dettagli della vita della nostra professione, perché l’Associazione Stampa Toscana crede profondamente e concretamente che il sindacato sia di ogni iscritto e che sia diritto e dovere di tutte e tutti conoscere i problemi, gli sforzi per risolverli, le soluzioni cercate e spesso trovate per difendere il lavoro dei giornalisti toscani. E’ stato un anno denso di avvenimenti e di novità, molte delle quali indicano purtroppo la situazione di grande difficoltà della categoria e dell’intero settore dell’informazione. Ma in ogni situazione abbiamo detto la nostra e fatto valere la grande unità e la determinazione nel tutelare tutti e ciascuno, senza che nessuno restasse indietro.

Ma a richiamare l’impegno dell’Ast non è stato solo la tutela del lavoro: tante, troppe, sono state anche le occasioni in cui è stato necessario ribadire concetti alla base del diritto all’informazione. Lo confermano i dati del Ministero dell’Interno, diffusi dall’Associazione Articolo 21, secondo i quali la Toscana è al secondo posto dopo il Lazio tra le regioni con il più alto numero di minacce ai giornalisti. Ogni volta che ciò si è verificato, anche con vere e proprie aggressioni nei confronti di singoli colleghi o di intere redazioni, il sindacato unico ed unitario dei giornalisti toscani ha fatto sentire alta la propria voce ed ha denunciato ed invitato a denunciare l’accaduto, ricevendo l’attenzione delle forze di polizia e della magistratura che in non pochi casi ha consentito di risalire ai responsabili. 

Ora, e questo è uno degli impegni per il nuovo anno, è il momento di coinvolgere gli stessi cittadini, cioè coloro i quali sono destinatari del nostro lavoro, in questa battaglia per difendere non solo noi stessi, ma quel bene prezioso che è il diritto all’informazione. Lo faremo, anche attraverso iniziative pubbliche, perché sia chiaro che l’ondata violenta di intimidazione maturata nel pesante clima della pandemia riguarda tutti e non deve trovare alcuna incertezza nel reagire, nelle redazioni così come nella società.

Anche il 2022 che tra pochi giorni farà capolino dal calendario non sarà un anno facile, ma proprio per questo dobbiamo da subito prepararci ad usare tutti gli strumenti a disposizione per riaffermare la centralità del lavoro giornalistico, le sue necessarie garanzie, la delicatezza del ruolo che svolgiamo ogni giorno. E’ il motivo per cui gli auguri per il nuovo anno, a voi, alle vostre famiglie e alle persone che vi sono care, non sono solo formali ma pronunciati con il grande senso di solidarietà che ci deve distinguere e per far crescere il quale c’è bisogno di continuare a voler bene al nostro sindacato.

Auguri sinceri e di cuore a tutte e a tutti

Sandro Bennucci

Tag: