Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Ast: donazione al fondo di solidarietà. La lettera di un collega

Articolo di del 5 gennaio 2022 – 12:40 | 213 views

Non senza un pizzico di commozione, il presidente dell'Associazione Stampa Toscana, Sandro Bennucci, ha letto e veramente apprezzato la lettera di un collega giornalista che ha coronato un suo sogno professionale e ha deciso di fare un gesto molto concreto, alimentando con un bonifico personale il fondo di solidarietà dell'Associazione Stampa Toscana, quel fondo che soccorre i giornalisti che versano in seria difficoltà, sia per mancanza di lavoro, sia per l'emergenza Covid. Fondo che, anche nel mese di dicembre 2021, è stato attivato per lenire situazioni di vera sofferenza.

Il gesto del collega, che ha chiesto di restare anonimo, riempie il cuore e sollecita Ast (e il Gruppo pensionati che la affianca) ad andare avanti nelle iniziative in favore di chi è in difficoltà. Pubblichiamo la lettera con un senso di gratitudine, ma anche di profonda soddisfazione, per un'iniziativa, appunto la costituzione del fondo di solidarietà, arrivata a toccare le corde sensibili della categoria.

 

La Lettera 

Caro Sandro,

attraverso la curatissima e preziosissima newsletter dell'Associazione Stampa Toscana, ho appreso che è stato istituito un fondo di solidarietà per i colleghi in difficoltà. La ritengo una bellissima iniziativa in un momento in cui c’è tanto bisogno, come categoria, di compattarsi anche a difesa dei continui attacchi che ci arrivano dall’esterno: ossia le minacce ai giornalisti che si sommano alle difficoltà di tante aziende editoriali. 

Desidero pertanto contribuire con un piccolo gesto per sviluppare questo fondo e mi piacerebbe costituire uno stimolo alla generosità di altri colleghi più fortunati, come me, verso chi si trova invece in situazioni di disagio. 

Ti ringrazio, e vi ringrazio, per la vostra opera quotidiana a difesa dei nostri diritti e dei nostri posti di lavoro. Un grande abbraccio e buon anno a te, al Consiglio direttivo e a tutto l'ufficio.

Lettera firmata

 

Tag: