Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Domenica 29 maggio giornata delle “Comunicazioni sociali” con la messa di Betori. Come accreditarsi nei posti riservati ai giornalisti

Articolo di del 27 maggio 2022 – 12:30 | 18 views

Domenica 29 maggio, nella solennità dell’Ascensione, si celebra la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, che insieme a quella del patrono San Francesco di Sales è la festa di tutti gli operatori dei Media.  Anche per loro alle ore 10.30 nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze, il  card. Giuseppe Betori presiederà la Santa Messa. Intorno all’altare saranno riservati dei posti ai giornalisti che assicureranno in tempo la loro presenza (cell. 333.8149068).

L’arcivescovo, che è anche presidente della Conferenza Episcopale Toscana,   sottolinea l’importanza di questa “Giornata”,  preparata con tre eventi, in una Lettera inviata a tutta la Comunità:  <Il nostro tempo – segnato dai devastanti effetti della pandemia, dai massacri e dagli orrori dell’aggressione all’Ucraina  e delle altre numerose  guerre combattute a pezzi di cui poco si parla –  ci ha fatto comprendere quanto sia fondamentale la ricerca della verità per una corretta narrazione. L’informazione  –  scrive il Cardinale – è cambiata, la professione del giornalista deve assumere sempre più i connotati di una missione, votata anche alla costruzione della pace ed a rendere il mondo meno oscuro. È una missione non facile. È complicato pensare, meditare,  fermarsi per raccogliere le idee e per studiare i contesti e i precedenti di una notizia>.  

Papa Francesco ha dato il suo contributo per arricchire la “grammatica”  dei Media appunto con il Messaggio per la 56esima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali: ”Vedere, ascoltare, approfondire, raccontare” : secondo il Pontefice sono i paradigmi che devono caratterizzare il buon giornalismo. “Ascoltare con le orecchie del cuore”, come recita il titolo del Messaggio, è la condizione essenziale per un autentico dialogo che “dà vita” alle notizie. L’ascolto resta una dimensione dell’amore e «solo facendo attenzione a chi ascoltiamo, a cosa ascoltiamo, a come ascoltiamo, possiamo crescere nell’arte di comunicare, il cui centro non è una teoria o una tecnica, ma la «capacità del cuore che rende possibile la prossimità» (Evangelii gaudium).  

Su questi temi l’Ufficio delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Firenze ha promosso momenti di riflessione, partendo dall’insegnamento del “sindaco santo” Giorgio La Pira  sui  valori della Pace, dell’accoglienza, della solidarietà, della carità.  L’ultimo (il 27 maggio alle 16.30  a Palazzo Medici Riccardi- Sala di Luca Giordano) si ispirerà alla Letteratura ed alla Bibbia con il direttore di “Avvenire” Marco Tarquinio ed il filosofo Sergio Givone nell’evento    <All’orecchio del tempo con Giona e Rut – Spunti dall’ultimo  romanzo di Vincenzo Arnone ”La saga dei Tomasi”>, che sarà condotto da Riccardo Bigi. Porteranno un saluto il Cardinale Betori e l’assessore ai rapporti con le Confessioni Religiose Alessandro Martini. 

 

Tag: