Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Gruppi di Specializzazione, Notizie, Radio & TV

Digitale terrestre, la graduatoria conferma le preoccupazioni

Articolo di del 26 ottobre 2011 – 14:46 | 256 views

Una graduatoria che, nel suo complesso, conferma molte delle preoccupazioni che il sindacato dei giornalisti aveva espresso negli scorsi mesi in relazione alle prospettive e agli sviluppi dell’emittenza televisiva locale e in particolare in relazione ai livelli occupazionali dell’intero settore. Questo è il primo giudizio che l’Associazione Stampa Toscana esprime sulla graduatoria ministeriale per l’assegnazione delle frequenze per il digitale terrestre. Una graduatoria per la quale spicca soprattutto la presenza in alcune delle posizioni più alte di emittenti in cui il punteggio relativo ai dipendenti è scarso o addirittura pari a zero (è il caso del consorzio che si è piazzato al terzo posto, con tre emittenti tutte con il punteggio dipendenti a zero), mentre a finire nella parte più bassa sono state realtà di rilievo per posti di lavoro, professionalità possedute e consistenza delle redazioni giornalistiche.

L’Associazione Stampa Toscana ritiene estremamente preoccupante l’assegnazione di frequenze a soggetti extraregionali premiati in base al patrimonio e alla copertura e non in base ai dipendenti e esige di sapere in che modo realtà senza dipendenti e con redazioni inesistenti o ridotte ai minimi termini potranno garantire autoproduzione e informazione legata al territorio. Chiede alle istituzioni toscane di mettere in campo tutte le azioni e gli strumenti a disposizione per salvaguardare il lavoro e la professionalità, giornalistiche e non. Chiama tutta la società toscana a un attento confronto sul futuro della televisione regionale, anche sulla base di un’inchiesta, già affidata a un gruppo di colleghi e colleghe del settore televisivo, sulle proprietà, gli organici redazionali, la regolarità dei contratti delle varie emittenti.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login