Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie, Primo piano

L’Unità: No alla chiusura delle redazioni locali.

Articolo di del 9 maggio 2013 – 18:23 | 210 views

Guarda il servizio online

EDITORIA: UNITA'; CDR E RSU FIRENZE, NO CHIUSURA REDAZIONI

    (ANSA) – FIRENZE, 9 MAG – No ai tagli lineari e alla chiusura delle cronache della Toscana e dell'Emilia Romagna, che insieme valgono il 40% delle vendite, perche' il rilancio dell'Unita' puo' partire solo dai territori e da una diversa impostazione strategica. E' il messaggio, in sintesi, lanciato oggi dal Cdr e dalla Rsu dell'Unita' di Firenze che in una conferenza nella sede dell'Associazione Stampa Toscana (Ast), hanno fatto il punto della vertenza rispetto al piano industriale presentato dalla proprieta' del quotidiano.

    Ad ascoltare, dare la propria solidarieta' e sostenere i giornalisti erano presenti oggi numerosi rappresentanti dei sindacati, delle istituzioni locali e parlamentari Pd. Cdr e giornalisti hanno spiegato di ''essere aperti al dialogo, consci che un rilancio del giornale non puo' che ripartire dai territori'' e per questo ''chiediamo un incontro con la proprieta' e che non proceda con scelte unilaterali''. Per tenere alta l'attenzione sulla loro vertenza e sul tema del finanziamento pubblico i giornalisti dell'Unita' hanno annunciato l'intenzione partecipare all'assemblea del Pd in programma sabato a Roma.

    Secondo il presidente Ast Paolo Ciampi ''siamo davanti a un piano che non guarda al futuro e soprattutto che taglia le radici per il futuro del quotidiano''. L'assessore toscano al lavoro Gianfranco Simoncini ha garantito l'impegno della Regione, mentre il consigliere regionale Pd Enzo Brogi ha annunciato che il gruppo toscano, in parallelo con quello dell'Emilia Romagna, dara' vita a ''un'occupazione simbolica'' delle redazioni di Firenze e Bologna. Il parlamentare Pd Federico Gelli ha invece dato la propria disponibilita' per cercare di far incontrare i giornalisti con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Editoria, Giovanni Legnini, e con l'imprenditore pisano Maurizio Mian, tra i principali azionisti del quotidiano. (ANSA).
      Y7G-GRO   09-MAG-13 16:02 NNNN

Unità, No alla chiusura delle redazioni locali.

Con l’Unità ho un legame storico ma anche un legame affettivo. E’ il quotidiano che ha dato voce al nostro impegno politico di lotta e di speranza. E’ il giornale che è entrato nelle case anche più lontane dai centri abitati, grazie anche alla “diffusione” della domenica organizzata nelle sezioni.; Esprimo davvero una forte amarezza nell’apprendere che rischiano di chiudere le redazioni locali di questo giornale in due Regioni, la Toscana e l’Emilia, che ancora oggi e tradizionalmente vantano il maggior numero di copie acquistate. Una decisione quindi, anche sul piano economico, inversamente proporzionale alle cifre!  Un paese che perde una voce dell’informazione sconta un impoverimento di democrazia e un arricchimento di ignoranza. Questo è ancora più vero quando si tratta di informazione locale. Con il gruppo PD della Regione Emilia proporremo di occupare simbolicamente ed in contemporanea, per una giornata,  le due redazioni locali. Ci impegneremo a sostenere ogni possibile azione che potrà essere necessaria a scongiurare la chiusura e ad intraprendere una strada alternativa del piano di risanamento, che ci pare assolutamente sbagliato.

Enzo Brogi, Consigliere regionale della Toscana

 

Tag:, , , , , , , , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login