Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » I diritti, In evidenza, Notizie, Opinioni e Interventi

Stati Generali: eccoci!

Articolo di del 13 luglio 2013 – 09:11 | 201 views

Bartolini Testai BonfantiGli Stati Generali dell'Informazione Precaria sono appena cominciati. Questo è il messaggio che vogliamo dare a tutti i colleghi al termine di questi due giorni di confronto a Roma sulla nostra realtà. La delegazione toscana ha votato compatta a favore del documento finale, approvato a larga maggioranza.
I colleghi di tutta Italia che hanno partecipato a questa due giorni hanno messo nero su bianco linee guida su temi fondamentali per la sopravvivenza stessa del nostro lavoro: definire l'Equo compenso e individuare gli editori virtuosi e non; includere le varie forme di precariato nel nuovo contratto nazionale che si sta negoziando; applicare in maniera inderogabile la Carta di Firenze con la formazione dell'osservatorio nazionale e di quelli regionali, per proteggere i colleghi intenzionati a presentare un esposto per vedere puniti casi di sfruttamento; coinvolgere nei Cdr i rappresentanti dei collaboratori; impegnarsi per correttezza e qualità dell'informazione; chiedere al legislatore di riformare previdenza e welfare per i giornalisti non contrattualizzati.
Per la prima volta in un documento della Fnsi si riconosce ai movimenti di base, ai coordinamenti territoriali e di testata, pari dignità rispetto a soggetti istituzionali consolidati come l'Ordine dei Giornalisti, il Sindacato, l'ente previdenziale Inpgi, la Casagit, i Comitati di Redazione. Per la prima volta inoltre viene formalizzata la figura del professionista del giornalismo inteso in tutte le sue accezioni: quindi anche fotogiornalista, videogiornalista, operatore del web.
Susanna, Samuele ed io  crediamo che l'aspetto più soddisfacente della due giorni romana sia il nuovo passo compiuto verso una consapevolezza dei diritti applicabili alla quotidianità della nostra professione. Non quindi un evento straordinario rinchiuso e concluso nelle stanze romane. Tocca a noi passare alla pratica tutti i giorni: in questa ottica vuole lavorare la Commissione informazione precaria nata in seno all'Ast, che accoglie le linee guida degli Stati Generali fra le proprie linee di indirizzo, e guarderà alle buone pratiche e alle migliori esperienze degli altri territori. Dobbiamo iniziare a saper dire no, non soltanto a chi ci impone contratti da raccoglitori di pomodori quando ce li propone, ma anche a coloro ai quali fa comodo il fatto che esistano giornalisti a due euro il pezzo, abbassando i diritti di tutti.

Leonardo Testai, coordinatore Commissione informazione precaria Ast
Susanna Bonfanti, membro Commissione nazionale lavoro autonomo Fnsi
Samuele Bartolini, delegato all'assemblea nazionale lavoro autonomo Fnsi

Tag:, ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: