Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » I diritti, Notizie

Giornalisti precari verso rinnovo contratto: documento Ast-Commissione Informazione Precaria Toscana

Articolo di del 19 novembre 2013 – 16:18 | 226 views

Discussa e fatta propria dal Direttivo Ast, che la trasmetterà alla Commissione Contratto Nazionale

COMMISSIONE INFORMAZIONE PRECARIA TOSCANA

Proposta di inserimento per i giornalist i precari verso il rinnovo del contratto

PREMESSA

Occorre innanzitutto mettere fine a un’ambiguità: va definitivamente separata la figura del “precario” da quella del “freelance”. Il primo va ricondotto pienamente all’interno del lavoro subordinato o, in minima parte, parasubordinato; il secondo va messo in grado di competere sul mercato attraverso una ridefinizione della sua figura professionale, anche nel contratto, e una rete di “servizi ai professionisti autonomi” con un welfare su misura e strumenti di formazione e aggiornamento continui.

LINEE GUIDA STATI GENERALI DELL’INFORMAZIONE PRECARIA

Secondo le indicazioni del Documento accolto come strumento di lavoro per la Commissione contratto dall’Assemblea degli Stati generali dell’informazione precaria (Roma, 11 e 12 luglio 2013), occorre costruire con la contrattazione collettiva un’impalcatura di regole e modalità di lavoro corrette, per ampliare il campo dei diritti e delle tutele per chi non li ha e, allo stesso tempo, contrastare l’abuso sempre più diffuso di forme di lavoro autonomo o parasubordinato che dissimulano prestazioni di lavoro dipendente, quando per esempio s i lavora con continuità e in regime di monocommittenza, come le partite Iva.

PROPOSTA

Fermo restando che il Ccnlg già contempla – oltre all’art. 1 – altre figure professionali “flessibili” come quelle del collaboratore fisso (art. 2) e del corrispondente (art. 12) che, pur svolgendo il loro lavoro con assoluta flessibilità negli orari, nelle prestazioni e nei compensi, sono comunque inquadrate con tutele di legge e di contratto (stabilità, malattie, ferie, tredicesima mensilità, maturazione del Tfr) si suggerisce di aggiornare ed integrare l'articolo 2, che permetterebbe maggiori tutele contrattuali ed economiche per i collaboratori occasionali/freelance, che vogliono continuare a utilizzare le forme di lavoro non subordinato, valorizzandone l’autonomia e la flessibilità, anche negli orari e nelle mansioni. Se l’editore vuole acquistare il prodotto intellettuale di un libero professionista, deve pagarlo di più, considerando che il libero professionista ha, a suo carico, le spese per intero. La committenza di un articolo, di lanci, di servizi radiofonici o televisivi, o di qualunque forma di lavoro giornalistico, come anche fotografie e filmati destinati ai media, deve essere comunque liquidata dalla testata, a prescindere dall'utilizzo dello stesso o dalla pubblicazione/messa in onda.

LOTTA AL PRECARIATO (nell’art 4 del CCNLG);

Obbligo di comunicazione al sindacato/cdr per tutti i rapporti di lavoro – nei prodotti editoriali di ogni genere – a prescindere dalla forma contrattuale, indicando: durata dei rapporti, anni di lavoro con lo stesso committente, eventuale clausola di esclusiva, numero di stabilizzazioni effettuate e tempi delle future stabilizzazioni percentuali di utilizzo complessivo di forme di lavoro autonomo in funzione del numero di dipendenti dell’azienda

–  diritto di prelazione del collaboratore/ parasubordinato/ precario in caso di assunzione di personale a tempo determinato (anche sostituzioni) o indeterminato.

–  Valorizzazione della circolare Inpgi relativa agli sgravi per le aziende editoriali, in caso di assunzione dalle liste di disoccupazione;

–  I collaboratori “strategici” – per anzianità di servizio, mansione, volume della collaborazione, non in questo ordine – entrano a far parte di un bacino dal quale l’azienda attingerà in modo preferenziale per i contratti di sostituzione a termine e per eventuali assunzioni a tempo indeterminato.

 

Leonardo Testai, Coordinatore Commissione Informazione Precaria Toscana

Susanna Bonfanti,  Delegata toscana Commissione Lavoro Autonomo Fnsi e componente Commissione Informazione Precaria Toscana

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: