Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie

Il giornalismo che cambia, da martedì 11 a Bergamo il congresso Fnsi

Articolo di del 7 gennaio 2011 – 11:13 | 196 views

”Il giornalismo e le sfide del cambiamento” è il titolo del 26/o Congresso Nazionale della Federazione Nazionale della Stampa, in programma da martedì 11 a venerdì 14 gennaio a Bergamo. E cambiamento non è solo quello che attraversa il mondo editoriale, ma anche il terremoto che sta scuotendo le relazioni sindacali nel Paese. Non a caso, il futuro dell’informazione sarà al centro del convegno che martedì mattina farà da prologo all’evento e che vedrà confrontarsi, tra gli altri, il presidente Mediaset, Fedele Confalonieri, il presidente del Gruppo Espresso, Carlo De Benedetti, e il presidente di Rcs, Piergaetano Marchetti.

Il via al congresso è nel pomeriggio di martedì con l’intervento del presidente del Senato, Renato Schifani e il saluto del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. Sono attesi anche il presidente della Società dei lettori ‘Le Monde’, Jean Martin, e il segretario della Federazione Internazionale dei giornalisti, Aidan White. Il 14 è prevista l’elezione degli organi federali, mentre sabato, saranno designati presidente e giunta.

In campo 312 delegati in rappresentanza delle venti Associazioni regionali della Stampa, che contano 25 mila iscritti. Segretario e presidente uscenti sono Franco Siddi e Roberto Natale, in carica dal Congresso di Castellaneta tre anni fa. ”Sono tre le  sfide che lanceremo dal congresso – ha anticipato Siddi -. La prima è l’ampliamento della base produttiva. Non è accettabile che le forme di collaborazione siano diventate sostitutive del lavoro dipendente. Gli editori pensano di rispondere alla crisi con la strategia della disorganizzazione, noi invece chiediamo di cogliere le opportunità dell’innovazione tecnologica con lo sviluppo di un’informazione qualificata su varie piattaforme”.

”L’altra sfida è quella del welfare, che va ampliato con le nostre risorse, gestite dall’Inpgi che nonostante le cassandre è ancora ben saldo – ha proseguito Siddi -. Porteremo al Congresso idee precise per mettere in sicurezza i conti e per garantire strumenti di solidarietà e per la formazione. La terza sfida è quella etica. Negli ultimi tempi la linea diretta con l’opinione pubblica ci ha consentito di respingere gli attacchi del potere ed in particolare del titolare del conflitto di interessi, il nostro presidente del Consiglio, che vuole un’informazione addomesticata”. (ANSA)

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login