Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie, Uffici Stampa

Uffici stampa: Fnsi al tavolo con Aran per la legge 150

Articolo di del 13 maggio 2016 – 14:30 | 436 views

Addetti stampa nei Comuni: il modello della Toscana diventa nazionale

Nella riunione, a Roma, della Commissione nazionale uffici stampa della Fnsi, presenti i segretari nazionali aggiunti Anna Del Freo e Carlo Parisi, la coordinatrice, Alessandra Costante,  ha confermato quanto anticipato due giorni prima a Firenze nel corso della presentazione del rapporto Ast sugli uffici stampa in Toscana. 

L'incontro con la ministra per la Pubblica Amministrazione,  Marianna Madia, ha portato ad una riapertura sulla presenza del sindacato dei giornalisti al tavolo Aran per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego. Si tratta di ottemperare al dettato della legge 150/2000 per la mai raggiunta definizione del profilo di giornalista operante nella PA; uno dei tanti aspetti della legge, forse il più importante, rimasti lettera morta sul piano applicativo con gravi conseguenze sul piano dell'organizzazione contrattuale a livello nazionale. E di rispondere, stante l'indisponibilità mai ritirata dei sindacati confederali a condividere la trattativa per la parte che alla Fnsi compete, alla sentenza del 2005 da parte del giudice che ammetteva la Fnsi al tavolo di trattativa proprio in virtù del dettato specifico della 150; in sostanza, pur rappresentando una quota di lavoratori certamente sotto la soglia del 5 per cento per numeri di occupati, il giudice riafferma la particolarità della figura del giornalista PA e la necessità di una rappresentanza specifica.

La discussione si è poi centrata sulla costruzione di un modello di bando virtuoso per le assunzioni di giornalisti nella PA, in particolare nei Comuni, capace di rispondere alle specificità della nostra figura professionale: dall'iscrizione all'albo all'iscrizione all'Inpgi passando per i livelli attribuiti e i titoli di studio richiesti. Inoltre la richiesta di presenza di giornalisti nelle commissioni di esame. Si tratta della ripresa di una proposta analoga di qualche anno fa da parte della stessa Fnsi, rimasta sostanzialmente lettera morta fino all'accordo in Toscana tra Anci regionale e Ast che ha già portato alla diffusione di un modello di bando tra gli enti locali della regione. In realtà dal confronto è scaturita la necessità di almeno tre modelli, relativi a concorsi a tempo indeterminato, bandi per assunzioni a tempo determinato e selezioni pubbliche per assunzioni di tipo fiduciario. L'obiettivo a breve è un incontro con Anci per un'azione concordata a livello nazionale. Di qui il prossimo appuntamento per la prossima metà di giugno.

Dario Rossi, presidente Gus Toscana

Tag:, , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: