Inpgi e Casagit
Gruppi di Specializzazione
Comitati di Redazione
I diritti
Servizi, Convenzioni, Bandi
Home » Notizie, Primo piano

Regione-Ast: verso l’intesa sulla riforma dell’informazione nella P.A.

Articolo di del 14 ottobre 2016 – 14:00 | 166 views

Prosegue il dialogo tra la Giunta regionale e l'Associazione Stampa Toscana,  dopo il protocollo d'intesa sull'informazione siglato con Enrico Rossi poco prima della sua riconferma e la partecipazione della vicepresidente Monica Barni all'ultima assemblea sindacale annuale,

dove sono stati ribadite le indicazioni di lavoro del protocollo. Si è svolto un incontro che ha visto intorno al tavolo l'assessore alla presidenza Vittorio Bugli, accompagnato dal direttore di Toscana Notizie Paolo Ciampi, con il presidente dell'Ast Sandro Bennucci che era insieme al presidente del gruppo di specializzazione Giornalisti Uffici Stampa Dario Rossi.

La comune valutazione è stata che si può iniziare a individuare percorsi operativi che possano incidere sulla capacità di tutta la pubblica amministrazione toscana di mostrarsi con la massima trasparenza ai cittadini attraverso la mediazione di professionalità giornalistiche riconoscibili e riconosciute. Occorre in sostanza riordinare il più possibile la mappa a pelle di leopardo dell'informazione pubblica, verificata anche dalla recente ricerca dell'Ast con il fondamentale contributo dell'Anci Toscana. E questo compito risulta ad oggi facilitato da recenti sentenze che riconoscono il ruolo dei giornalisti nella PA fino al recentissimo l'ordine del giorno in Senato, fatto proprio dal Governo, sulla necessità di ripartire dalla legge 150 a sedici anni dalla sua approvazione, creando figure giornalistiche contrattualizzate negli uffici stampa pubblici.

Non è mancato un accenno alla possibilità di proseguire anche a livello regionale, vista la positiva esperienza già avviata, con elementi di supporto al sistema dell'informazione regionale con particolare attenzione al sistema radiotelevisivo, anche in questo caso sulla scia della legge sull'editoria approvata dal Parlamento pochi giorni orsono.

Tag:, ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, o fai trackback dal tuo stesso sito. Puoi anche ricevere questi commenti via RSS.

Non saranno tollerati e verranno rimossi commenti offensivi. Cerca di stare sull'argomento di cui parla l'articolo. Qualsiasi forma di pubblicità indesiderata comporta la rimozione del commento.

Puoi usare i seguenti tag HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Gravatar è abilitato. Gravatar.

Login with Facebook:
Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: